Sabato 24 novembre presentazione del XXVII Rapporto Immigrazione 2017-2018 nel corso del convegno “Immigrazione: paura e diffidenza o un'opportunità?” 

locandinaCATANIA. Ci sono 13.544 i cittadini stranieri residenti nel comune di Catania, pari a circa il 4% della popolazione totale, con una provenienza marcata da Sri Lanka (2.581), Romania (2.186), Cina (1.166) e Mauritius (1.120). Questi numeri, elaborati da fonte Istat al primo gennaio del 2018 dal diacono Santino Tornesi, direttore Ufficio Migrante Messina-Lipari-San Filippo del Mela, saranno approfonditi con altri dati nel corso del convegno “Immigrazione: paura e diffidenza o un'opportunità?” che si terrà sabato 24 novembre alle ore 16 al Museo Diocesano di Catania. Per l'occasione è prevista anche la presentazione del XXVII Rapporto Immigrazione 2017-2018 “Un nuovo linguaggio per le migrazioni”, realizzato da Caritas Italiana e Fondazione Migrantes.

L'evento, moderato da Padre Gianni Di Gennaro del Centro Astalli, vedrà in apertura i saluti di Mons. Salvatore Genchi, Vicario Generale dell'Arcidiocesi di Catania, di Don Piero Galvano, direttore Caritas Diocesana di Catania e del diacono Giuseppe Cannizzo, direttore Migrantes Catania. I relatori saranno il dott. Olivero Forti, responsabile per le politiche migratorie di Caritas Italiana, che approfondirà il tema “Falsi miti: oltre i luoghi comuni e le fake news”, e il diacono Santino Tornesi, direttore Ufficio Migrantes Messina-Lipari-San Filippo del Mela, che presenterà il Rapporto Caritas-Migrantes 2017-2018, fornendo, inoltre, dati specifici sugli stranieri residenti in Sicilia e nel territorio catanese.

In vista dei lavori del convegno, si anticipa una tendenza in crescita dei residenti stranieri, rispetto ai numeri registrati nel 2017, con valori comunque contenuti. Circa mezzo migliaio in più nel comune di Catania, dove risiede poco meno del 40% del totale degli stranieri presenti in tutta la provincia, che ne registra complessivamente 36.009 (+1.443). Nel centro etneo, inoltre, il 7% del totale regionale che ammonta complessivamente a 193.014 unità (+3.854). Un focus sarà dedicato anche ai numeri degli sbarchi, con la classifica dei principali porti coinvolti nell'ultimo triennio (2016, 2017, 2018 fino al 15 novembre): Augusta e Catania, rispettivamente con 44.960 e 36.630, si trovano nei primi due posti.

Don Piero Galvano ha voluto ricordare l'importanza di questo appuntamento che affronta uno dei temi più rilevanti della contemporaneità: «Don Giacomo Alberione, fondatore dei Paolini, diceva di fare a tutti la 'carità della verità'. Il convegno sull'immigrazione si propone appunto di fare luce su tale argomento sulla base di conoscenze obiettive e non sul sentito dire, al di fuori di ogni strumentalità».

(19/11/18)

 

relazione e formazione

 

aiuta la caritas

 

 

 

diventa volontario

 

sportello cerca lavoro

 

caritas italiana