Help Center: preparati 500 pasti al giorno

 Povertà in crescita in città

CATANIA. La Caritas Diocesana di Catania non si ferma. Nel pieno rispetto delle norme anti-contagio vigenti, i volontari dell’organismo diocesano continueranno il servizio. Una scelta che conferma la quotidianità del servizio, attivo per tutti i giorni dell’anno, e che s’impone come un’esigenza in un periodo di crisi economica che vede l’impoverimento di un numero sempre maggiore di cittadini. 

Le conseguenze economiche dell’impatto del COVID-19, ancora da valutare nella loro interezza, si sono già manifestate sui soggetti più vulnerabili e su fasce di popolazione che precedentemente non rientravano nei circuiti di supporto e assistenza. Un fenomeno globale che si declina nella quotidianità del servizio all’Help Center della Stazione Centrale. Ogni giorno, i volontari della Caritas Diocesana preparano circa 500 pasti caldi, un numero che nelle ultime settimane ha fatto registrare una tendenza in crescita, segnale inequivocabile del momento di crisi (erano poco più di 400 alla fine di giugno). A beneficiarne sono soprattutto italiani, il 60% del totale degli assistiti, in particolare senza dimora e famiglie numerose.

Per tutto il mese di settembre, salvo nuove disposizioni dell’autorità pubblica, si rispetterà l’orario stabilito in questo periodo con la distribuzione dei pasti all’esterno dell’Help Center della Stazione Centrale tra le 12:30 e le 14. Resteranno operativi anche le altre forme di supporto a distanza – email, chat o telefono – e il progetto “Housing First II” del Gruppo Appartamento. 

(14/08/20)

 

relazione e formazione

 

aiuta la caritas

 

 

 

diventa volontario

 

sportello cerca lavoro

 

caritas italiana